Notizie Parrucchieri e Bellezza

Notizie e novità dal Mondo della Bellezza
Information and news from the World of Beauty
Informationen und Neuigkeiten aus der Welt der Schönheit
Information et nouvelles du monde de la Beauté
Información y noticias del mundo de la belleza
信息和新闻从美的世界
Информация и новости из мира красоты
المعلومات والأخبار من عالم الجمال


BEAUTY NEWS

The setting was an exotic memory of things past: the rich darkness of Coco Chanel’s coromandel screens; a pair of gilded lions as a talisman; the symbolic camellias; and, overhead, the vast, twinkling chandeliers.

But in this Chanel Métiers d’Art show, nothing was more emblematic than the sweep of the Art Deco, mirrored staircase at 31 rue Cambon, where “Mademoiselle” would hide on the top step to gauge the reaction of her clients to her collections. The recreation at the Palais Garnier of those original steps served as a runway, as each model descended in variations of classic tailoring, some with “tie-and-dye” colouring.

Tie-dye shades for 2019-2020 from Chanel Métiers d'ArtChanel Metiers D'Art 2019-2020 : Runway At Le Grand Palais In Paris
Tie-dye shades for 2019-2020 from Chanel Métiers d'Art
Kristy Sparow

This was Chanel’s Artistic Director Virginie Viard going back to the source after three decades at the right hand of the late Karl Lagerfeld. And with this show, she has come assuredly into the limelight, proving how wise it can be to elevate a designer who already knows every nuance of the house.

“This is the return to the very first Métiers d’Arts show in 2002 in the salons at rue Cambon – that was very dear to me,” Viard said, remembering how the models moved casually around, “listening to Lou Reed – it was more an attitude than a theme”.

This 2019-2020 show was a nod to the the very first Chanel Métiers d'Art show in 2002, which actually took place in the salons at 31 rue CambonChanel Metiers D'Art 2019-2020 : Runway At Le Grand Palais In Paris
This 2019-2020 show was a nod to the the very first Chanel Métiers d'Art show in 2002, which actually took place in the salons at 31 rue Cambon
Francois Durand

Those words could sum up the lasting spirit of Coco, with her subtle play on masculine/feminine, so in advance of her time, back in the 1930s. Viard brought that up to date by including trousers – narrow, but soft and easy – as a definitive part of the show. She also used a sunset orange, often in liquid shades, like the burning sky itself, with the confidence of creating a new code.

Virginie Viard has introduced a new shade of orange, with the confidence of creating a new code at Chanel
Virginie Viard has introduced a new shade of orange, with the confidence of creating a new code at Chanel
O.Saillant

The House of Chanel has some big supporters – not just Lily-Rose Depp, sitting front row with her mother, French actress Vanessa Paradis, and fellow actress Kristen Stewart. Long-time friend of the house, Sofia Coppola, brought her cinematic vision to the set, which was both grand and intimate. Those words also described the models, stepping out in a pretty update of those famous two-tone classic pumps.

As the set brought old and new together, so did the clothes. The general feeling was of lightness and ease, with specifics including a semi-transparent chiffon dress in a gradient of blush pink to sky blue. Such subtleties make the Chanel Métiers d’Art show unique; a different league to the Pre-Fall collections currently on offer from major brands across the world.

Sofia Coppola worked on the decor of the show to recreate the famous mirrored staircase of the Chanel salon and Coco's apartment at 31 rue Cambon, Paris
Sofia Coppola worked on the decor of the show to recreate the famous mirrored staircase of the Chanel salon and Coco's apartment at 31 rue Cambon, Paris
O.Saillant

It was a true privilege to go backstage to see the extraordinary detail of the handwork, such as a mixture of silvered decoration in different textures and colours, so incredible up-close, but casual from a distance. Perhaps the most extraordinary meld of ancient and modern was a lace dress recreated from a photograph of a pensive Gabrielle Chanel taken by royal photographer Cecil Beaton in 1935. But there were other details, such as Coco’s sheaves of wheat, symbols of good luck, subtly embroidered on to fabric.

A semi-transparent chiffon dress in a gradient of blush pink to sky blueChanel Metiers D'Art 2019-2020 : Runway At Le Grand Palais In Paris
A semi-transparent chiffon dress in a gradient of blush pink to sky blue
Kristy Sparow

Viard shares with Karl Lagerfeld a desire to stay in the present tense, or even to project the future, never focusing on the past. She is more specifically French than her multi-lingual predecessor, and in this collection it is easier to imagine a young Parisienne – off to a weekend in the mountains in a soft, pale pink trouser suit – rather than an international woman. But there were plenty of work outfits, with touches of the 21st-century power woman in the slither of bare flesh at the waist. Neutral tones (mostly black) gave way to off-beat, mixed-colour tweeds, or curvy, colourful tops.

A 1935 portrait of Gabrielle Chanel by Cecil Beaton inspired this champagne-hued lace ensembleChanel Metiers D'Art 2019-2020 : Runway At Le Grand Palais In Paris
A 1935 portrait of Gabrielle Chanel by Cecil Beaton inspired this champagne-hued lace ensemble
Stephane Cardinale - Corbis

Since Chanel embraced the traditional Parisian creators of flowers and feathers, embroidery and millinery, the Métiers d’Art shows are designed as their showcase. But Viard admitted back stage that she finds the over-elaboration of grand evening clothes outside her fashion orbit. There is a sense that, like all strong female designers, there is much of herself in her work.

Coco Chanel kept little treasures from friends, such as the sheaves of wheat painted by Dali. Feather, flower and embroidery specialist Lemarié recreated these in aged gold for the Métier's d'Art 2019-2020 collection
Coco Chanel kept little treasures from friends, such as the sheaves of wheat painted by Dali. Feather, flower and embroidery specialist Lemarié recreated these in aged gold for the Métier's d'Art 2019-2020 collection

Is Chanel modern? That is a complex question, especially in the context of other fashion houses that have totally changed the spirit and the reality of the clothes shown under a famous name from the past. Balenciaga’s current collections are certainly in that category.

Some pieces from the 2019-2020 collection were inspired by a pink tweed suit created by Gabrielle Chanel in 1960, whose lining was tie-dyed in black, blue, pink and mauveChanel Metiers D'Art 2019-2020 : Runway At Le Grand Palais In Paris
Some pieces from the 2019-2020 collection were inspired by a pink tweed suit created by Gabrielle Chanel in 1960, whose lining was tie-dyed in black, blue, pink and mauve
Kristy Sparow

Amanda Harlech, a free spirit at Karl Lagerfeld’s side for the last two decades, described the current change as very much like the Sofia Coppola set – a ghost of Coco, but the furniture has changed.

Silk pongee camellias with jewelled centres embroidered by feather-and-flower experts, Lemarié, become bijoux sculptures to uplift an evening ensembleChanel Metiers D'Art 2019-2020 : Runway At Le Grand Palais In Paris
Silk pongee camellias with jewelled centres embroidered by feather-and-flower experts, Lemarié, become bijoux sculptures to uplift an evening ensemble
Kristy Sparow

“The spirit is the same but the clothes are different,” Harlech said. “Karl could never do this because he could not go back to what he did when he first started. But Virginie shows why we love Chanel – for being a woman and a brilliant editor of what women want to wear. Coco took away the pretentious, and that was her genius. Her archive pieces are so far ahead you can keep going back to her.”

There is a different argument, that Virginie is only reinterpreting for the umpteenth time what Chanel offered in the past. Her vision is conventional, but so beautifully executed and thought through. Backstage, I also found, when lifting a tweed jacket or examining embroidery, how light these apparently conventional clothes were.

With the models lined up on the stairs at the finale, the wardrobe seemed totally and accurately 21st century. “I have completely absorbed the Chanel codes,” Viard said. “I saw Karl twist them so much. I have grown up here. I am a child of Karl and Gabrielle.”



Continua a leggere

I rumors su una possibile collaborazione tra Jordan e Dior sono confermati, la nuovissima sneaker svelata in passerella con la collezione Dior uomo Pre Fall 2020 2021 a Miami è già la scarpa più attesa della prossima stagione. Il modello Air Jordan I High OG Dior infatti arriverà nei negozi ad aprile 2020.

"Adoro mixare mondi diversi, idee diverse - e Jordan Brand e Maison Dior sono entrambi emblematici di assoluta eccellenza nei loro mondi", ha commentato Kim Jones, direttore creativo delle collezioni maschili Dior. "Riunirli in questa speciale collaborazione è proporre qualcosa di esplosivo e innovativo".

La nuova sneaker uomo in edizione limitata arriva anche in occasione di un anniversario speciale per Nike, il 35° anniversario del modello Air Jordan.

Air Jordan I High OG Dior
Air Jordan I High OG Dior

"Ogni collaborazione che realizziamo inizia da una connessione autentica e dal desiderio di estendere ogni brand attraverso la creatività e l'innovazione del design", ci ha detto Martin Lotti, Jordan Brand VP of Design. "La nostra collaborazione con Dior offrirà un nuovo look nello stile del basket e fonde lo streetwear con il lusso. Renderemo omaggio alla ricca iconografia di entrambi i brand e trarremo ispirazione dalla nostra tradizione."

Air Jordan I High OG Dior
Air Jordan I High OG Dior

Realizzata in Italia secondo altissimi standard di eccellenza, la nuova sneaker uomo in collaborazione tra Jordan e Dior è stata creata con la stessa pregiata pelle di vitello utilizzata nella pelletteria della maison francese. Il grigio scelto è il famoso Dior Grey, sinonimo della Maison sin dalla sua fondazione nel 1947. Ma la vera sorpresa è il logo Jumpman Wings sulla tomaia, personalizzato con la scritta "AIR DIOR", e lo Swoosh Nike realizzato con l'inconfondibile motivo jacquard Dior Oblique.

Air Jordan I High OG Dior
Air Jordan I High OG Dior

La Air Jordan I High OG Dior sarà disponibile solo nelle boutique Dior.



Continua a leggere

Che il profumo di caffè sia inebriante è cosa certa, d'altronde il suo aroma è inconfondibile. Ma che un profumo sappia di caffè invece non è così frequente. Succede invece quando due grandi nomi come Caffè Vergnano e Tonatto Profumi decidono di unire le loro forze e far incontrare i loro mondi per sostenere una buona causa.

È il caso di Women in Coffee, progetto olfattivo che fa parte della Pink Collection, gamma di prodotti di Caffè Vergnano creati per raccogliere fondi per supportare il ruolo delle donne all’interno delle piantagioni di caffè.

Il profumo nasce dalla collaborazione tra Diletta Tonatto, direttrice creativa di Maison Tonatto, e Carolina Vergnano Amministratrice del brand omonimo. La fragranza racchiude le memorie olfattive di Carolina ripercorrendo la storia dell’azienda di famiglia. Così, le note del fiore del caffè si uniscono a gelsomino, lillà e tuberosa, pepe nero e noce moscata.

Diletta Tonatto con Le Sventoline - Foto di Adelina Chiabodo
Diletta Tonatto con Le Sventoline - Foto di Adelina Chiabodo
© Adele Chiabodo

Il flacone è “vestito” con una gonna di frange rosa antico realizzata dalla Antica Fabbrica di Passamanerie Massia Vittorio 1843 ed è disponibile sull’e-shop di Caffè Vergnano (caffevergnano.com/shop/). La fragranza fa parte della collezione Le Sventoline by Tonatto, serie di sillage contenuti in flaconi stile vintage tutti arricchiti da dettagli in passamaneria.

Le Sventoline by Tonatto
Le Sventoline by Tonatto
© Adele Chiabodo

L’obiettivo di Women in Coffee è raccogliere 10mila dollari, utili ad acquistare una tostatrice da donare a una comunità di 20 donne produttrici di caffè nella Valle Hondo, nella Repubblica Domenicana.



Continua a leggere

Pensate a un servizio di beauty luxury con vista mozzafiato nel contesto dell’hôtellerie. Pensate poi di essere a Milano, anche solo in visita, e decidere di staccare la spina con una giornata all’insegna della bellezza. L’idea è di Galleria Vik Hotel, all’interno di Galleria Vittorio Emanuele II, che ha scelto quattro beauty expert d’eccellenza per un’esperienza nuova, in calendario da gennaio 2020. Per il primo appuntamento ci saranno Alessandra Ricchizzi, specialista nella cura del viso, in particolare nel lifting manuale con massaggio posturale mandibolare, Michela May, punto di riferimento per la mani routine, e The Brow Bar, le professioniste nell’armonia dei tratti che, per prima, parte dalla cura di ciglia e sopracciglia. Infine, tra un trattamento e l’altro, sarà possibile assaporare le tisane di L’Erboristeria Campo dei Fiori, che creerà dei preparati in base alle esigenze della cliente. Un nuovo appuntamento imbellito da mettere in agenda con l’arrivo dell’anno nuovo.

L'articolo Arrivano a Milano le beauty suites sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

cane

Natale si divide in chi “Guai a toccargli la tradizione”, come mio padre che ha un legame viscerale con cappelletti in brodo e bollito con contorno di mostarda, e chi è sempre alla ricerca di nuovi piatti da sperimentare.

Con l’aiuto dello chef Maurilio Garola del rinomato ristorante Campamac quest’anno vorrei accontentare tutti e proporre due piatti Made in Piemonte a base di tartufo. Complice la gita di qualche settimana fa nelle Langhe che mi ha portato a scoprire tante cose che non sapevo su questo prezioso fungo. Eh sì, il tartufo è un fungo, lo sapevate? Cresce accanto alle radici di querce e lecci ma se chiedi a un Trifolau dove puoi trovarlo esattamente, lui ti risponde «per terra». Ognuno ha la sue zone, la sua storia e i suoi segreti, tanto che la ricerca si svolge di notte.

tartufo 1

Me l’ha confermato Vacchetti Giuseppe (si è presentato come a scuola!), trifulau da generazioni. Ne ho approfittato per scucirgli almeno qualche tips sulla preparazione.

È vero che il tartufo non si può lavare? «Falso, consiglio di pulirlo con uno spazzolino da denti per 30 secondi sotto un filo d’acqua e poi di asciugarlo bene. »

È corretto conservarlo nel riso? «Sbagliato! Si avvolge in un tovagliolo e s’infila in un barattolo, meglio se di vetro, che poi si tappa. Si conserva in frigo e si tira fuori un’ora prima di essere mangiato. »

Si può congelare? «Solo il tartufo nero.»

Grazie Giuseppe! E ora non resta che cucinare! Di seguito le ricette di un primo stellato e di un antipasto sfizioso create dallo chef Maurilio Garola.

plin 1

LA RICETTA Plin d’oca Campamac

Ingredienti per 12 persone

Pasta fresca all’uovo: farina 00 bianca 600 gr – uova fresche 8

Ripieno: polpa d’oca disossata 1Kg – carne di manzo 200 gr – carote 250 gr – sedano 200 gr – cipolla bionda 100 gr – aglio in camicia 1 spicchio – marsala 100 ml – vino bianco secco 100 ml – rosmarino q.b. – salvia q.b – olio extra vergine d’oliva 150 ml – brodo vegetale 600 ml – timo 2 rametti – parmigiano 100 gr – uova intere 2

Condimento: fondo d’oca 300 ml – burro 80 gr – foglie di salvia q.b. – tartufo bianco q.b.

PROCEDIMENTO

Per l’impasto: impastare a mano farina e uova, dopo averli disposti a fontana, fino a ottenere un impasto omogeno. Avvolgere nella pellicola trasparente e far riposare in frigorifero per circa un’ora. Per il ripieno: rosolare in una pentola i cubetti di manzo con le verdure, l’olio extra vergine d’oliva, l’aglio e il timo. Spadellare a parte la polpa d’oca tagliata a cubetti e condire con olio, sale e pepe. Spostare nella pentola con verdure e manzo anche la polpa d’oca e continuare a far rosolare. Profumare con il Marsala e il vino bianco e lasciar evaporare continuando  la cottura a 150° per circa 1 ora. A cottura ultimata passare il ripieno al tritacarne e aggiungere uova e parmigiano.

Per i ravioli: tirare la pasta fino ad assottigliarla il più possibile (2/3 mm di spessore); con l’aiuto di una sac a poche o di un cucchiaino da tè portare il ripieno al centro del foglio di pasta. Coprire il ripieno con la sfoglia che si trova dietro al ripieno stesso, dare i pizzicotti, plin in piemontese, alla pasta per formare i classici plin. Cuocere i raviolini ottenuti in acqua salata bollente per poi farli saltare in padella con il fondo d’oca e il burro. Servire su fondo d’oca, burro, salvia e abbondanti scaglie di tartufo.

Il consiglio dello Chef: nel caso non si cucinino tutti i plin, abbattere i plin non cucinati a -18 gradi. Conservarli in freezer per una settimana max. Buttare in acqua bollente da surgelati.

millefoglie 1

LA RICETTA Millefoglie di filetto con maionese Heinz tartufata

Ingredienti: Filetto di fassona 300 gr – olio extra vergine d’oliva q.b. – valeriana 20 gr. – sale e pepe q.b. – pomodorini datterini 8 – Maionese Heinz al tartufo 75 gr.

PROCEDIMENTO

Tagliare a fette sottili il filetto e batterlo leggermente tra due fogli di carta da forno. Salare, pepare a piacimento e cospargere d’olio extra vergine d’oliva. Prendere un coppapasta e montare il piatto con uno strato di filetto e uno della nuova maionese Heinz al Tartufo. Ripetere l’operazione per tre volte. Decorare a piacimento con foglie di valeriana e pomodorini datterini.

Bon appétit.

 

L'articolo Ricette di Natale: a caccia di idee per il pranzo? Provate (ma prima trovate) il tartufo sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Sciacquare frutta e verdura sotto acqua corrente, può non essere sufficiente per rimuovere i residui dei pesticidi. A meno che non si tratti di frutta e verdura biologiche, infatti, è importante evitare eventuali rischi lavandola accuratamente. Per farlo bastano semplici rimedi naturali, bicarbonato, sale, aceto e succo di limone. Ma scopriamo come fare.Continua a leggere

Continua a leggere

Liu Jo riserva una sorpresa per le prossime festività, concentrandosi su un approccio scatenato e spiritoso, fra una cena natalizia e un party di Capodanno. Ispirandosi al mood anni Settanta delle disco-dive Baccara e del loro grande successo ‘Yes Sir, I can boogie’, tra performance di capelli cotonati che ballano a ritmo di musica e il blend di bianco e nero nei look di Mayte Mateos e Maria Mendiola, Liu Jo presenta la borsa LJ, una tracolla dall'approccio festivo pensata per il dancefloor.

Funzionale e versatile, morbida e compatta nelle sue dimensioni create per contenere l’essenziale, la borsa LJ ha il carattere e l’estetica di un prodotto tipicamente natalizio: un décor dorato su una base trapuntata monocromatica, bianco candido e rosso corallo, con qualche concessione al rosa cipria e al carta da zucchero – il dettaglio extra è la fibbia dorata con il logo LJ. Un accessorio frizzante e vivace come la danza di due amiche sulla pista da ballo, come l’atmosfera energica di una canzone dance, spumeggiante con un brindisi di champagne a mezzanotte che inaugura un nuovo anno, una nuova vita.

Liu Jo pensa alla donna che ha voglia di vivere a pieno il momento, che non si ferma quando la musica parte, che non vuole avere limiti al proprio movimento, alle proprie distrazioni, e la borsa LJ la accompagna nei suoi svaghi, fra una festa e l’altra, per celebrare il Natale e il nuovo anno con una rinnovata gioia e all'insegna del divertimento.



Continua a leggere

Non è la prima volta che Kate Middleton indossa i gioielli della Regina Elisabetta II: prima ancora del ricevimento con Trump, aveva sfoggiato un paio di orecchini con le perle, i Bahrein Pearl Drop Earrings, in occasione del Remembrance Day. Ma in quest'ultima occasione l'attenzione era stata catturata dalla spilla (non molto preziosa), un romantico omaggio alla nonna Valerie Glassborow.

E non tutte possono indossare i gioielli reali. Meghan Markle, infatti, ha solo indossato monili appartenuti a Lady D, e non sappiamo se la Regina farà un passo indietro rispetto alle tradizioni, per compiacere il nipote Harry. E sapete perché?

Pare che sia una questione gerarchica. Kate Middleton è una delle donne più importanti d'Inghilterra, moglie dell’erede al trono William e futura regina, per questo ha la possibilità di indossare i preziosi reali.

In particolare si tratta dei gioielli della Royal Collection, un tesoro inestimabile che comprende pezzi accumulati in circa 4 secoli dalla monarchia britannica, oltre a quelli resi "famosi" da Lady Diana.

Forse, la Regina Elisabetta II cambierà idea?



Continua a leggere

All'ingresso di QC Terme Milano una scritta - "Tutto è possibile" - che è un invito audace e insieme promessa. È il 4 dicembre, data vicina per numeri e clima alle Feste Natalizie. Fuori e buio, fa freddo, ma varcando la soglia di quello che è ormai il place to be del benessere in città, succede appunto l'inaspettato. Tutto è possibile, appunto. Giocolieri, acrobati che camminano sul soffitto, un buffet inaspettato e sorprendente, oro, luci, musica: a ogni passo una sorpresa.

Un equilibrista al Christmas Party 2019 di QC Terme
Un equilibrista al Christmas Party 2019 di QC Terme

D'altronde la Festa di Natale 2019 di QC Terme ha temi che si incrociano in una danza di coerenza e suggestioni: c'è la magia del "Tutto è possibile", la Charlie e Fabbrica di Cioccolato (il cui musical sarà a Milano fino al prossimo febbraio) e il tempo.

Il cast del musical “Charlie e la Fabbrica del Cioccolato” (fino al 9 febbraio a Milano)
Il cast del musical “Charlie e la Fabbrica del Cioccolato” (fino al 9 febbraio a Milano)

Una frase di Orazio - in cui contenuto c'è il proverbiale Carpe Diem, cogli l'attimo - si snoda lungo il soffitto del corridoio che porta dall'ingresso fino a una delle sale principali della festa. Parole molto care ad Andrea Quadrio Curzio, Amministratore Delegato del Gruppo QC Terme che questo mondo di Dreamers of Dream lo ha fortemente immaginato e voluto e che oggi racconta (anche) attraverso il Christmas Party.

Giovanni Battista Mantelli (Patron Venchi) e Andrea Quadrio Curzio (AD QC Terme)
Giovanni Battista Mantelli (Patron Venchi) e Andrea Quadrio Curzio (AD QC Terme)

"C'è il tema del tempo, della magia, ma anche delle favole che si realizzano: d'altronde il Natale è soprattutto dei bambini. Quest'anno però volevamo che la festa fosse meno 'didascalica' degli scorsi anni e abbiamo condiviso questo pensiero con Alessandra Grillo e Vincenzo Dascanio che hanno colto in pieno la mia visione creando un evento e delle scenografie strabilianti", spiega Andrea Quadrio Curzio. "Ho fatto un giro fra le sale e mi sono commosso: sono un grande appassionato di Charlie e la Fabbrica di Cioccolato, credo sia una bella storia, una storia democratica".

D'altronde il racconto di Willy Wonka - scritto da Roald Dahl nel 1964 poi portato al cinema prima da Mel Stuart e Gene Wilder nel 1971, poi da Tim Burton e Johnny Depp nel 2005 - abbraccia temi e generazioni ed è perfetto per incontrare i gusti delle 400 persone del team QC Terme che partecipano ogni anno alla festa di Natale con le famiglie.

"Il tema della condivisione dei momenti di gioia e benessere con i propri affetti ci è molto caro: basti pensare che solo il 9% dei nostri clienti viene da solo, tutti gli altri vengono nei centri QC Terme in compagnia", afferma Quadrio Curzio.

Una posizione da pionieri in fatto di esperienza benessere condivisa che oggi porta a QC Terme un grande quanto meritato successo. Una realtà che, proprio per questo, è in costante divenire. "Abbiamo grandi e piccoli progetti per il 2020", anticipa sempre l'Amministratore Delegato del Gruppo "Dal rinnovo delle strutture di Pré-Saint-Didier e San Pellegrino alle aperture a New York e a Pontresina". Svizzera e Stati Uniti dunque conosceranno presto il Made in Italy formato Spa.

E restando in tema di eccellenze italiane, ma tornado al Christmas Party QC Terme, indimenticabile il frizzante luccichio del Ferrari trentodoc, il tripudio di delizie al cioccolato Venchi, gli outfit firmati Twinset, le note speziate e talvolta inconsuete di Birra Baladin il "magic food" creato da Whitericevimenti, le luci natalizie di Giovi, le DS E-Tense (gentilmente messe a disposizione dalla casa automobilistica).

Senza dimenticare il cast di Charlie e la Fabbrica del Cioccolato guidato da Christian Ginepro, straordinario interprete nel ruolo di Willy Wonka, che ha reso indimenticabile l'intrattenimento della serata.

E infine Vogue Italia, che si occupa per il quarto anno consecutivo della direzione artistica e contenutistica del magazine aQCua.

Tutti ingredienti, soggetti, protagonisti di un grande numero di magia senza tempo. Una favola che si realizza ogni giorno, non solo a Natale, da QC Terme.



Continua a leggere

I bigodini termici sono un utilissimo accessorio per le chi ama realizzare acconciature ricce o ravvivare il proprio look con morbide onde. Non è necessario essere delle esperte: con un pò di pratica possiamo ottenere risultati da fare invidia ad un salone di bellezza. Ma quali sono i migliori bigodini termici in commercio? Vediamolo insieme.Continua a leggere

Continua a leggere

Amina Muaddi disegnerà le scarpe di Fenty, la linea di moda che Rihanna firma in collaborazione con LVMH. La vincitrice del premio Designer of the Year ai FN Achievement Awards è già designer delle calzature di Alexandre Vauthier, oltre a essere impegnata con il suo brand omonimo che ha lanciato lo scorso anno. In occasione del lancio, la shoe designer ci aveva raccontato in un'intervista della scelta di firmare un brand con il suo nome dopo aver chiuso il suo primo brand, Oscar Tiye, che aveva co-fondato a soli 25 anni e finalista a Who is on Next?:"Dopo sei anni facendo questo lavoro con vari brand ho lanciato il progetto più vicino al mio cuore, 100% mio e 100% me".

Ora la shoe designer e icona su Instagram, dove conta quasi 400mila follower tra cui numerose celebrity che sfoggiano le sue creazioni agli eventi più importanti, si dedicherà alle calzature della star Rihanna. A 33 anni, un ottimo risultato per la creativa di cui avevamo parlato agli esordi con il suo primissimo brand Oscar Tiye, che aveva co-fondato a soli 25 anni e che era stato finalista a Who is on Next? nel 2014.

© Instagram Amina Muaddi
© Instagram Amina Muaddi


Continua a leggere


X

privacy